• 27 May 2022

La ricerca spazza via la paura di eventi avversi. Rilevata un’ottima risposta anticorpale, specialmente nelle donne e nei più anziani.

I vaccini sono lo scudo migliore per difendere la salute di tutti gli anziani, anche e soprattutto dei più fragili nelle RSA. Lo dimostrano i risultati preliminari dello studio GeroCovid Vax, sponsorizzato dall’Agenzia Italiana del Farmaco e realizzato in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e la Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG).

Si tratta della prima ricerca ad aver raccolto dati sugli anziani nelle RSA, dimostrando che anche in questa popolazione particolarmente fragile il vaccino è efficace ed è privo di effetti collaterali gravi, così come di complicanze di rilievo nel lungo periodo. 

Gli anziani nelle RSA hanno pagato il prezzo più alto durante le prime ondate pandemiche e il messaggio più importante è che il vaccino anti-Covid funziona ed è molto sicuro anche negli anziani più fragili. Non ci sono perciò motivi per temere il richiamo con la terza dose, né il rischio di nuovi focolai”, spiega Francesco Landi presidente SIGG. 

Lo studio GeroCovid Vax ha infatti verificato efficacia ed eventi avversi del vaccino in un’ampia fetta di popolazione anziana, al di fuori dei trial clinici. “L’età media dei 3262 soggetti coinvolti in 77 RSA di tutta Italia era pari a 83 anni, in media ciascuno aveva almeno 5 malattie diverse fra cui, in circa due casi su tre, disturbi cognitivi”,spiega Graziano Onder, Responsabile Scientifico dello studio e Direttore del Dipartimento Malattie Cardiovascolari, Endocrinometaboliche e Invecchiamento dell’Istituto Superiore di Sanità.

Uno su tre era costretto a letto o in sedia a rotelle, si trattava perciò di un campione di soggetti molto fragili. Dopo ciascuna delle due dosi di vaccino a mRNA, nel 93% dei casi Pfizer, ogni anziano è stato rivalutato per eventi avversi e condizioni cliniche dopo 7 giorni e poi a distanza di 2 e 6 mesi. I dati disponibili già analizzati, a 2 mesi dalla doppia dose di anti-Covid, hanno dimostrato che anche in questi anziani la vaccinazione è sicura ed efficace. Gli eventi avversi sono stati lievi, per esempio dolore o arrossamento nel sito di inoculo, dopo entrambe le dosi e hanno riguardato dal 3 al 10% degli anziani”, aggiunge Onder.

A 2 mesi di distanza solo l’1,6% aveva ancora stanchezza e l’1% una perdita di appetito. A fronte di questo, abbiamo osservato un’incidenza di appena il 3% di nuovi contagi nei vaccinati e un’ottima risposta anticorpale, specialmente nelle donne e nei più anziani”, osserva Alba Malara, coordinatrice per SIGG dello studio GeroCovid Vax.“

Tutto ciò conferma che oggi le RSA dopo l’esecuzione delle vaccinazioni a ospiti e operatori in realtà sono il luogo più sicuro dove un anziano possa stare, visitato in sicurezza dai familiari e con l’assistenza continua di perdonale qualificato”,precisa Malara. “Ovviamente gli attuali limiti delle conoscenze sulla durata della protezione vaccinale e i rischi derivanti dalla circolazione delle varianti di SARS-CoV-2, impongono la prosecuzione di misure di prevenzione e controllo per garantire la sicurezza degli ospiti residenti”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Invecchiare è un privilegio. E oggi lo è per sempre più numerosi ultrasessantenni

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda