• 27 May 2022

Dieta mediterranea e corretti stili di vita. Sovrappeso, obesità, una nuova malattia chiamata Pasc, disturbi cardiovascolari, tumori e diabete: ecco la pesante eredità del post-Covid.

Non solo sono saltate le attività di screening ed è venuta meno la prevenzione, ma a causa della sedentarità e della quarantena quasi 23 milioni di italiani, il 44% degli adulti e il 32% dei bambini – soprattutto al Sud – , sono aumentati di peso, rischiando disturbi cardiovascolari e metabolici e malattie come tumori e diabete.

Come se non bastasse 1,2 milioni di persone hanno iniziato o ripreso a fumare (fenomeno in aumento tra le adolescenti e le giovani donne) e dal 10 al 30% dei pazienti contagiati dal coronavirus ha una nuova malattia chiamata PASC, che si caratterizza con palpitazioni, dolore al torace, difficoltà respiratorie, tachicardia e intolleranza all’esercizio fisico nei mesi successivi all’infezione.

Il post-Covid presenta il conto, salato, da pagare in termini di salute.  Correre ai ripari però si può, grazie alla dieta mediterranea e ai corretti stili di vita. A ribadirlo gli esperti coinvolti nell’ambito della prima edizione del Festival dei 5 colori, kermesse che debutterà a Tropea, in Calabria, dal 18 al 22 maggio.

Ideata dall’Associazione Pancrazio – nata da giovani studenti di medicina, farmacia e biologia per realizzare progetti nel campo della salute e del benessere – la 5 giorni si rivolge a tutte le fasce d’età: dai bambini, che verranno coinvolti con attività nelle scuole, e adolescenti, agli adulti e anziani.

È essenziale ricordare l’importanza di prendersi cura di sé, a partire dalla tavola”, afferma Francesco Cognetti, presidente della Fondazione Insieme contro il cancro. “Questo evento sarà un’importante occasione di incontro per diffondere la tutela del benessere, soprattutto dopo il Covid, che ha modificato negativamente le abitudini quotidiane di gran parte della popolazione”.

L’interazione tra mangiare correttamente e seguire corretti stili di vita: combattere la sedentarietà, ridurre il consumo di alcol, non fumare e proteggersi dal sole (abitudini che è importante seguire per fare prevenzione primaria) incide fortemente sul nostro benessere. Viceversa, aumentano le probabilità di sviluppare patologie, come ribadisce Antonino De Lorenzo, Direttore del  Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione dell’Università degli studi di Roma Tor Vergata e del Programma clinico di Nutrizione clinica del Policlinico Tor Vergata.

Via libera quindi a frutta, verdura, legumi, cereali integrali, pesce e olio d’oliva: alimenti di cui la Dieta Mediterranea Italiana di Riferimento (DIMIR) è ricca. Attenzione invece a sale, zuccheri, grassi e alcol, che sono da assumere con parsimonia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Arriva dalla SIPPS un prezioso decalogo per la corretta alimentazione dei più piccoli.

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda