• 5 July 2022

L’epilessia è una malattia del sistema nervoso centrale (disturbo neurologico) in cui l’attività delle cellule nervose nel cervello si interrompe causando convulsioni, periodi di comportamento insolito e talvolta perdita di coscienza. Il trattamento, a base di farmaci e/o interventi chirurgici, è in grado di tenere sotto controllo la condizione nell’80% dei casi.

Con lo scopo di far confrontare i massimi esperti della sanità italiana sulla governance dell’epilessia, dagli aspetti organizzativi e gestionali dei pazienti alle ricadute economiche sul SSN e i costi sociali, Motore Sanità ha organizzato il webinar ‘Dati epidemiologici e criticità nella presa in carico della persona con epilessia’,

“L’epilessia è una malattia neurologica che interessa oltre 500mila persone in Italia. I farmaci attualmente disponibili offrono un controllo prevalentemente sintomatico delle crisi epilettiche e vi è un 30% di pazienti farmacoresistenti. “

“Ci sono molti aspetti da attenzionare: promuovere la ricerca per generare terapie che agiscano sui meccanismi molecolari chiave implicati nello sviluppo della malattia con una prospettiva di medicina di precisione; ridurre lo stigma in ambiente sociale, lavorativo, scolastico, che rende complessa la quotidianità; promuovere attività di informazione per i cittadini e formazione per i sanitari attraverso l’aggiornamento scientifico, la condivisione dei percorsi diagnostico terapeutici assistenziali tra esperti e la costruzione di reti specialistiche su tutto il territorio nazionale.”

“Le istituzioni nazionali e regionali devono agevolare questi percorsi”, ha dichiarato Fabiola Bologna, Segretario XII Commissione Affari Sociali Camera dei deputati

“L’epilessia è una patologia che crea numerose difficoltà già in tenera età, limitando molto lo svolgimento di specifiche attività, spesso anche le più semplici, arrivando in età avanzata a togliere addirittura la libertà e l’autonomia quotidiana. Le Aziende sanitarie sono impegnate per offrire la migliore qualità dell’assistenza possibile, in modo omogeneo su tutto il territorio regionale. “

“La rete dei servizi garantisce interventi di prevenzione, il percorso diagnostico-terapeutico con la presa in carico della persona e la continuità dell’assistenza socio-sanitaria, tra le strutture del territorio e gli ospedali, sia nell’elaborazione del programma individuale, in particolare per l’inserimento a scuola o nel mondo del lavoro che per le attività di riabilitazione”, ha spiegato Franco Ripa, Dirigente Responsabile Programmazione Sanitaria e Socio-Sanitaria, Regione Piemonte

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Carcinoma mammario triplo negativo: “In arrivo importanti prospettive di cura”

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda