• 5 July 2022

Nell’immaginario collettivo medici e infermieri sono sempre stati visti come eroi. Persone che hanno deciso di dedicare la propria vita alla salute e al benessere altrui.

Negli ultimi anni però, in sempre più casi da eroi sembrano essere diventati i nemici. Una valvola di sfogo su cui i cittadini possono sfogare la propria frustrazione e violenza. Un’escalation di aggressioni verbali e fisiche che sempre più spesso riempiono le sezioni di cronaca.

Secondo uno studio rilasciato dall’Inail, sono quasi 6000 tra medici ed infermieri che ogni anno subiscono violenze: circa 14 al giorno. Sempre secondo i dati Inail, di tutte le aggressioni il 46% sono a infermieri e il 6% a medici (gli infermieri sono i primi a intercettare i malati al triage, a domicilio ecc. e quindi quelli più soggetti).

Per riuscire ad invertire questo trend, il Ministro della Salute Roberto Speranza, di concerto con il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e il Ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa, ha firmato il decreto che indice la Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e socio-sanitari, il 12 marzo di ogni anno.

In questa giornata sarà compito delle amministrazioni pubbliche, in coordinamento con gli enti e gli organismi interessati, organizzare iniziative di comunicazione per promuovere una cultura che condanni ogni forma di violenza nei confronti dei lavoratori della sanità.

Questa iniziativa legislativa è dunque un ottimo punto di partenza per accendere i riflettori su un annoso problema che colpisce i lavoratori di tutta Italia. Iniziative come questa sono fondamentali per riuscire a ripristinare un clima di fiducia e di rispetto che nel corso degli anni si sta perdendo.

Sarà però fondamentale anche irrigidire le misure di sicurezza, soprattutto per chi lavora nei pronto soccorso o sui mezzi di soccorso d’emergenza, che rappresentano il primo punto di incontro con il pubblico e che quindi sono più esposti ad atti di violenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Perché persiste la di diffidenza verso la telemedicina?

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda