• 27 May 2022

Mancano infermieri per l’assistenza domiciliare. FNOPI: servono subito 6mila infermieri specializzati e, nel medio termine, almeno 60mila di cui 20.000 infermieri di famiglia e comunità.

Sul tema “Come costruire una assistenza domiciliare a media complessità e quali filiere necessarie”, è intervenuta FNOPI, la Federazione nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche, alla Winter School 2022 di Napoli, organizzata da Motore Sanità, promossa e divulgata da Mondosanità e Dentro la Salute e realizzata con il contributo incondizionato di Gilead, Janssen Pharmaceutical Companies of Johnson & Johnson, AlmavivA, Daiichi Sankyo, GSK, IBM, Sanofi, Angelini Pharma, Kyowa Kirin, Siemens Healthineers e Teva, si è parlato di assistenza domiciliare nella sessione intitolata.

Dati alla mano, FNOPI ha snocciolato numeri. Attualmente l’assistenza domiciliare di media complessità interessa circa il 21% della popolazione italiana (cronici con più patologie anche gravi), ma è ferma a circa il 4% dell’erogazione degli interventi necessari, mentre il PNRR prevede il raggiungimento di almeno il 10%.

L’assistenza domiciliare di media intensità ha come sua prima caratteristica la multidisciplinarietà degli interventi in funzione della condizione dell’assistito, senza alcuna gerarchizzazione dei professionisti coinvolti e prevede che a organizzarla tra le varie professionalità sia l’infermiere.

Per raggiungere gli standard richiesti però, le stime di istituzioni e università calcolano la necessità di un numero di infermieri specializzati a breve termine (per raggiungere il 5-6%) di circa 6.000 e a medio termine (per raggiungere il 10%) di almeno 60.000 di cui 20.000 infermieri di famiglia e comunità.

Sono necessari poi tra i 6.000 e i 9.000 infermieri per implementare gli Ospedali di Comunità, strutture intermedie tra la domiciliarità e il ricovero in acuzie, da attivare in caso di necessità per questa tipologia di pazienti – ha puntualizzato Teresa Rea, Presidente OPI Napoli, Componente Commissione FNOPI –. Per risolvere la carenza la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) ha già proposto a Governo, Parlamento e Regioni, interventi a breve, medio e lungo termine e un’azione coordinata a livello di formazione universitaria”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: “Come migliorare la presa in carico della persona con epilessia? Esperti, clinici e decisori della sanità italiana a confronto”

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda