• 27 May 2022

Mangiarsi le unghie o le pellicine delle mani è un atto istintivo che più o meno tutti abbiamo compiuto almeno una volta nella vita, soprattutto in età infantile.

Questo atto però, se compiuto in maniera compulsiva e a lungo nel tempo, viene riconosciuto come un vero e proprio disturbo. L’onicofagia, questo il nome del disturbo, può portare non solo a rovinare l’estetica delle mani, ma anche a infezioni e a danneggiare la salute del cavo orale, con minacce non indifferenti per denti e gengive.

Da cosa nasce però l’impulso all’onicofagia? Secondo gli esperti una persona, soprattutto adolescenti e bambini, inizia a mangiarsi le unghie per motivi di stress, rabbia, nervosismo, ansia o agitazione. Le cause che generano la tentazione a mangiarsi le unghie sono quindi legate a difficoltà di natura psicologica o emotiva. A rischiare sono soprattutto i bambini e i ragazzi tra i 7 e 10 anni.

Nell’età dello sviluppo il continuo rosicchiamento delle unghie può compromettere addirittura la corretta formazione delle ossa facciali e comportare delle malocclusioni dentali (quando i denti dell’arcata superiore non sono perfettamente allineati con quelli dell’arcata inferiore), con riverberi possibili su tutto il resto dell’organismo, dalla postura alla deglutizione, dalla suscettibilità alle cefalee tensive a dolorabilità mandibolare e facciale.

Fortunatamente questo disturbo tende a migliorare nell’adolescenza e a scomparire intorno ai 30 anni, anche se ci sono gli irriducibili che non abbandonano mai il vizio. I rischi non sono solo per i denti, infatti quando l’abitudine diventa radicata la persona si espone a infezioni batteriche, virali e fungine e non da ultimo parassitosi (come gli ossiuri, diffusissimi parassiti intestinali le cui spore si annidano facilmente proprio sotto le unghie) e questo contatto continuo col cavo orale può trasmettere queste infezioni dalla mano alla bocca e viceversa, in una trasmissione senza fine a doppia direzione.

E non è tutto, mangiarsi le unghie mette anche a rischio la salute delle gengive: può provocare lesioni gengivali con rischio di retrazione gengivale e vera e propria infiammazione delle gengive, quindi di gengiviti.

Dunque le conseguenze dell’onicofagia possono essere molto dannose per la salute dei denti e delle gengive; nonostante ciò, non bisogna preoccuparsi: esistono numerosi accorgimenti da adottare per poter gestire queste problematiche. Il modo migliore per prevenire i rischi finora elencati è quello di occuparsi quotidianamente della propria cura orale per mantenere una buona salute della bocca e un benessere generale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Arriva dalla SIPPS un prezioso decalogo per la corretta alimentazione dei più piccoli.

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda