• 27 May 2022

Sono passati ormai due anni dalla notizia del primo contagiato da Covid in Italia, il cosiddetto “Paziente zero”.

Da allora si è assistito ad un’escalation della diffusione dell’infezione e, parallelamente, si sono susseguite le misure adottate dal Governo e dal SSN per frenarne la corsa. Nonostante gli sforzi collettivi e le vaccinazioni il contagio continua a diffondersi.

La diffusione del Covid questa volta però coinvolge una categoria particolarmente delicata: le donne in procinto di partorire. Infatti, secondo un monitoraggio della Federazione Italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso), una partoriente su quattro è positiva al Covid. Soltanto in una settimana le donne in gravidanza ricoverate nelle aree Covid di Ginecologia e Ostetricia  sono cresciute del 26%. Meno di dieci giorni fa le partorienti positive erano soltanto il 16% dei casi.

Quali gli effetti del Covid in gravidanza? Secondo quanto riportato dall’Istituto Superiore di Sanità, la maggioranza dei disturbi (sintomi) osservati nelle donne in gravidanza sono lievi o moderati. È stato notato, tuttavia, un aumento dei bambini nati prima della 37° settimana di gravidanza (nati pretermine) e in qualche caso sono state osservate complicazioni respiratorie gravi dovute alla polmonite conseguente a Covid-19. L’ISS raccomanda inoltre la vaccinazione per le donne in attesa e per chi ha già partorito. È possibile infatti fare il vaccino sia durante la gravidanza, sia durante l’allattamento.

Ritornando al monitoraggio condotto da Fiaso, tra le donne risultate positive al momento del parto il 49% non era vaccinata e l’11% aveva sviluppato sintomi respiratori e polmonari tipici della malattia da Covid. È stata analizzata, inoltre, la condizione vaccinale di tutte le partorienti, sia le donne positive al virus sia le donne senza infezione: la percentuale delle vaccinate era solo del 55%.

Di contro, il 45% delle donne in attesa e in procinto di partorire non aveva ancora fatto la profilassi vaccinale contro il virus Sars-Cov-2, nonostante sia raccomandato dal Ministero della Salute e dalle società scientifiche dei ginecologi e dei pediatri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Garantire la presenza del padre/partner in ospedale vicino a mamma e neonato nonostante il Covid-19

Logo Mondosanita

Mondosanità è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Torino Iscrizione N. 5158/2020 del 23/05/2020 RG n. 8682/2020. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di Mondosanità sono rilasciati sotto licenza "Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License". Numero registro stampa 11/2020 del 23/05/2020 Direttore responsabile: Giulia Gioda